GIUSEPPE UNCINI
BIO
Giuseppe Uncini (Fabriano, 1929 - Trevi, 2008) è considerato uno dei più importanti scultori italiani della seconda metà del XX secolo e la sua opera, nel solco aperto da Fontana, Burri, Colla e Mannucci, si è sviluppata entro quella temperie di radicale riformulazione del lessico pittorico-plastico avvenuta in Italia e in Europa alla fine degli anni Cinquanta a opera di artisti come Lo Savio, Castellani, Manzoni, Bonalumi, Schifano, Festa, Angeli, Gianni Colombo, Dadamaino e lui stesso, nonché di critici d’arte di forte matrice poetica come Emilio Villa o il francese Pierre Restany, già interessato a Yves Klein e spesso attivo in Italia. Le opere di Uncini sono presenti in numerosi musei europei e in collezioni pubbliche e private in tutto il mondo.