ASTRAZIONE FIGURAZIONE


16-06-2012
31-08-2012
Pietrasanta

ASTRAZIONE - FIGURAZIONE GALLERIA CARDI PIETRASANTA Opening: Saturday 16 June 2012 at 7 pm Period of the show: 16 June – 31 August 2012 Gallery hours: Mon-Sun 11am-1pm/6pm-10pm Hall 1: Domenico Bianchi, Paolo Canevari, Enrico Castellani, Nicola De Maria, Helmut Dorner, Bernard Frize, Jason Martin, Ettore Spalletti; Hall 2: Donald Baechler, Bertozzi & Casoni, Greg Colson, George Condo, Mimmo Paladino, Marc Quinn, David Salle, Peter Wuthtrich, Zhang Huan. The Galleria Cardi Pietrasanta is pleased to announce the opening of the show Astrazione - Figurazione, on Saturday 16 June 2012 at 7 p.m. The dichotomy abstraction – figuration is a peculiar characteristic of artistic production in the XXI Century. The relationship between the two poles is deeply explored over the time, until generate a fusion of the opposites or a coexistence of the two cores in the same Author. The exhibition highlights the evolution of this fertile juxtaposition at the passage of the new century. The themes are exposed in two adjacent rooms, close but not hidden one to the other. The simultaneous view of artworks belonging to the two currents suggests a key: it is not possible anymore to draw a line between the two concepts, but it’s necessary to show their contamination and coexistence.
ASTRAZIONE - FIGURAZIONE GALLERIA CARDI PIETRASANTA Inaugurazione: sabato 16 giugno 2012 ore 19 Durata della mostra: 16 giugno – 31 agosto 2012 Orari della galleria: lun - dom 11-13 e 18-22 Sala 1: Domenico Bianchi, Paolo Canevari, Enrico Castellani, Nicola De Maria, Helmut Dorner, Bernard Frize, Jason Martin, Ettore Spalletti; Sala 2: Donald Baechler, Bertozzi & Casoni, Greg Colson, George Condo, Mimmo Paladino, Marc Quinn, David Salle, Peter Wuthtrich, Zhang Huan. La Galleria Cardi Pietrasanta (Lu) è lieta di annun¬ciare l’inaugurazione della mostra collettiva Astrazione - Figurazione, sabato 16 giugno 2012 alle ore 19. La dicotomia astrazione – figurazione è una caratteristica peculiare della produzione artistica del XXI secolo. La relazione dialettica fra i due poli è approfondita nel corso del tempo, fino a generare una fusione degli opposti nella stessa opera o la coesistenza delle due istanze nello stesso Autore. La mostra indaga l’evoluzione di questa feconda contrapposizione al passaggio del nuovo secolo. I temi sono esposti in due ambienti contigui ma non schermati, l’uno di fianco all’altro. La visione simultanea di opere appartenenti all’una o all’altra corrente suggerisce una chiave di lettura: non è più possibile tracciare una linea netta di demarcazione fra i due concetti, bensì è necessario manifestarne la contaminazione e la felice coabitazione.